18 maggio 2007

MetARTrock

In risposta alla Valeriona de' noantri, vengo al Metarock di (ohimè) Pisa.
L'anno scorso gli organizzatori mi contattarono per partecipare ad una serata della manifestazione che negli anni, da rassegna musicale, è diventata qualcosa di più. Oltre ai concerti, infatti, ci sono mercatini di oggettistica varia, ristorazione, esposizioni, iniziative culturali, dibattiti, gare di ruti.
Nel mio caso mi contattarono per prendere parte al MetARTrock (anche se avrei preferito l'ultima voce dell'elenco), una serata in cui alcuni disegnatori e illustratori erano invitati ad esibirsi in diretta, creando un'immagine ispirata alla propria playlist favorita.
Da sempre amante spassionato del cazzeggio senza scopo alcuno, e se possibile atto alla perdita di tempo prezioso, ovviamente accettai.
Tela, pennelli e acrilici alla mano, passai in rassegna alcune vivide sensazioni, che andavano dai vocalizzi di Rosanna Fratello alle performances di Pupo, generando - come il sonno della ragione - mostri orribili.
Per fortuna mi venne in soccorso Sua Divinità Franchino, che diradò le nebbie, guidò la mia mano e mi fe' produrre questo.
























Un paio di settimane fa sono stato contattato per partecipare anche quest'anno, ma non so ancora né quale giorno, né a che ore, né soprattutto a fare cosa. Appena ne avrò notizia, aggiornerò la colonnina qui a destra, nel remoto caso che qualcuno ne sia interessato.
Spero che in ogni caso, qualche grande entità guidi la mia mano per far sì che sia nel Giusto.

E magari, non alla patta dei pantaloni.

16 maggio 2007

09 maggio 2007

Ende












HO FINITO.
Sono or ora di ritorno dal corriere, da cui ho spedito le ultime 8 pagine di MM. Nella vignetta soprastante, io in primo piano ringrazio il Signore, la Madonna e papa Pio XII (prossimamente beato), mentre sullo sfondo si dissolve il mio stato d'animo dei giorni scorsi.
RINGRAZIAMENTI UFFICIALI: un cazzo nessuno, se non a Tyttera, che mi ha fatto da assistente sociale/balia/infermiera per due mesi, in cambio però di grugniti, sudiciume, ruti e stanchezza. Lode a lei e alla sua pazienza.
Ho anche festeggiato in anticipo, e un piccolo grazie (una graziella, via) alla TRATTORIA ANGIOLINO a Firenze, dove in occasione del Premio Nerbini, Mauro Bruni e Giancarlo Frisella hanno offerto a una torma di strusciamuri un'ottima cena.
Nella foto, da sinistra: Alberto Pagliaro, Joshua Held, Maurone Bruni, Riccardino Burchielli, uno stronzolo.