17 novembre 2008

Una volta per tutte






















AVVISO OT: venerdì 21 novembre io ed Emiliano Pagani saremo alla Libreria Piola a Bruxelles, alle ore 18,30, per la prima edizione all'estero del Don Zauker Talk Show e per presentare, oltre all'edizione francese del Nostro, anche l'uscita di "Secondo avvento". FINE AVVISO.

***

Qualche settimana fa fra i commenti al post "Nessun dorma (né tocchi Caino)", Claudio Brovelli mi rivolgeva una domanda che mi sono sentito fare più volte, sulla somiglianza di Don Zauker con una "comparsa" in un episodio di Torpedo. Ne ho già parlato in diverse sedi, sulla carta stampata e sulla rete, ma ovviamente non posso pretendere che le mie dichiarazioni siano state lette da chiunque.
Alla fine ne è nata un'intervista, pubblicata su Oemme.it e su Punto Informatico, e che ripubblico qui, un po' per cercare di definire la questione una volta per tutte, un po' perché nei siti citati l'intervista è stata orrendamente mutilata per coprire alcune presunte volgarità.
I temi abbracciati sono stati diversi, e alla fine è venuta fuori una cosina che potrebbe dare l'avvio a un dibattito interessante. A questo proposito, mi piacerebbe avere l'opinione di amici come Rrobe, Diego, Davidino, il Paglia, Riccardo, oltre ovviamente a tutti quelli che hanno da dire la loro.

***

Allora Daniele, il nostro "incontro" e' dovuto ad un commento che ho lasciato nel tuo blog: avevo notato una somiglianza tra Don Zauker ed un personaggio minore comparso sulle tavole di altri autori e tu, subito e con molta cortesia mi hai risposto chiarendo che questi autori tu li hai amati.


Guarda, giusto perché l'intervista prende le mosse da questo fatto, e visto anche che non sei l'unico ad aver notato questo particolare, cerco di fare chiarezza prima di tutto.
Abuli e Bernet, rispettivamente sceneggiatore e disegnatore del fumetto Torpedo, sono tra i miei autori preferiti, se non addirittura I preferiti. Sorvolo sulle ragioni, le contingenze, le affinità elettive e tutto il resto per non farla pallosa; fatto sta che Torpedo coincide perfettamente con ciò che considero fumetto e non solo, e rappresenta uno dei capitoli principali della mia formazione professionale.
Da sempre ammiratore del tratto e del disegno della cosiddetta Scuola Argentina, ho cercato e sto tuttora cercando di trovare una mia sintesi partendo da quel modello.
Quando demmo vita a Don Zauker, io ed Emiliano Pagani buttammo giù alcune idee su come dovesse essere caratterizzato il personaggio: dato il taglio, doveva essere aguzzo, luciferino, scolpito nel granito; bozze frontali sporgenti, sopracciglia nere e folte, capelli bianchi, naso adunco, guance scavate e grinzose. Il primo risultato (verificabile negli episodi 1-5) era più un misto fra la versione spregevole del Giulio Cesare di Uderzo e l'agente Graves di 100 bullets, di Azzarello e Risso. Tutto ciò accade non intenzionalmente, ma per una concomitanza di stili. Se magari avessi prediletto lo stile franco-belga, la cosiddetta ligne claire, forse Don Zauker avrebbe ricordato che so, un vecchio John Difool, con i dovuti paragoni fra me e quel mostro inarrivabile che è Moebius.
Questo per dire che la somiglianza con padre Muster, il personaggio che effettivamente somiglia a Don Zauker, è non intenzionale, nel modo più assoluto; e d'altra parte - come noti tu stesso sul commento - trattasi solo di un personaggio che agisce nell'arco di poche vignette e poi muore. Semmai, intenzionale dal quarto-quinto episodio in poi, è la somiglianza con Torpedo stesso: se lo invecchi d'una quarantina d'anni, gl'infoltisci le sopracciglia e gl'imbianchi i capelli, otterrai Don Zauker.
E il bello si qual è? che sia Abuli che Bernet conoscono il mio esorcista, e gli è pure piaciuto! Non solo: Bernet in persona mi ha disegnato con dedica un piccolo Torpedo su un albo di Don Zauker.

Per cui partiamo con la prima domanda: Quanto e' importante per una persona creativa la possibilita' farsi ispirare da altre opere creative?

E' una domanda posta male. Primo per quanto riguarda il concetto di ispirazione, che prende le mosse dallo Sturm und Drang, si sviluppa lungo il romanticismo ed è storicamente superato.
La creatività, che si esprime attraverso un linguaggio grafico, letterario, cinematografico e via dicendo, è invece un flusso continuo di esperienze in cui s'inseriscono gli autori: i precedenti influenzano i successivi, i quali a loro volta svilupperanno una propria chiave d'espressione che, proporzionalmente alla sua efficacia, influenzerà parte di quelli che verranno dopo ancora.
E' una costante di tutta la storia dell'arte, e molto più prosaicamente il meccanismo è lo stesso per i mezzi di espressione e comunicazione moderni; per rimanere in tema, lo stesso Bernet parte dalle premesse di autori come Milton Caniff.
O, per estremizzare, che mi dici di Marcel Duchamp e dei suoi baffi alla Gioconda?

Quali sono le ascendenze di Luana o di Fava di Lesso?

Ripeto, non parto mai con somiglianze intenzionali perché lo trovo limitativo. Nel momento in cui dò corpo a un mio personaggio ho il solo interesse di far aderire quello che ho in testa con quello che realizza la mano. In realtà attingo da un campionario di tratti somatici che ho in mente, che ho osservato nelle persone incontrate negli anni e che di volta in volta mi hanno suscitato ilarità, sgomento, paura, rigore, severità, bontà e tutti gli altri moti dell'animo umano. A quel punto può venir fuori qualcosa che per ovvie ragioni può richiamare qualcos'altro, e a quel punto sta a me calcare la mano o allontanarmene. Nel caso di Fava di Lesso, dopo i primi episodi mi accorsi che assomigliava ad un mio amico di Pisa (sic), e lì ho davvero calcato la mano. E' uguale!
Per Luana e Maicol, invece, non ho riferimenti.

Ultimamente le majors si stanno "accanendo" contro la diffusione di contenuti coperti da diritto d'autore "totale". Sostengono di ricevere delle perdite enormi, ma non si capisce bene su quali basi, addirittura in Germania tali pressioni hanno fatto stabilire che google viola i diritti anche con il semplice utilizzo di google images, eppure molti autori sono contrari alla blindatura totale dei diritti e sostengono che la libera diffusione della riproduzione della loro opera sia, anzi, un bene. Tu che ne pensi?

Che non è altro che lo sviluppo delle teorie di Walter Benjamin nel suo "L'opera d'arte nell'epoca della sua riproducibilità tecnica". E vale anche per ciò che non è opera d'arte. In realtà anche al tempo dell'analogico era la stessa cosa: i vinili si potevano registrare su musicassetta e i libri si potevano fotocopiare. Non per questo i gruppi musicali e gli scrittori che valessero qualcosa sono andati in rovina.
Per quanto mi riguarda, quando ho saputo che molti dei miei fumetti erano scaricabili su Emule, sono stato contento. Ciò ha generato curiosità, affetto, e molti dei downloaders hanno poi acquistato gli albi. Il collettivo Wu Ming agisce intenzionalmente in questa direzione.
E poi, un fumetto scaricato non ha l'inebriante odore d'inchiostro... :-)

Credi che sia possibile per un creativo vivere delle proprie opere senza blindarle con licenze d'uso tanto restrittive come le attuali? In sintesi, l'autore (o il suo editore) che non si riserva TUTTI i diritti e' destinato a finire sotto un ponte povero e derubato?

Ecco, hai centrato il punto. E' chiaro che il prodotto d'ingegno deve portare un guadagno all'autore, altrimenti l'autore smette di farlo e per pagarsi il pane si dedica alla panificazione, alla carpenteria, alle missioni di pace con l'UZI, all'uncinetto, a qualcos'altro. Ma da lì a bloccare un'opera per 70 anni (è esatto?), coinvolgendo spesso anche gli eredi, e nell'ottica di alimentare un leviatano onnivoro come la SIAE ce ne passa. Il problema sono la tutela e il compenso del lavoro d'ingegno, in Italia davvero scarsi.
Ma il tema è gigantesco e in così poco spazio si banalizza troppo; resta inteso che si potrebbe aprire un bel dibattito, ipotizzando che so, forme a scaglioni, per cui oltrepassando tetti prestabiliti di compenso percepito si passa al regime Creative Commons. Ma si entra nel campo dell'utopia, credo.

Tu sei un disegnatore, che licenze usi?

Dipende dal tipo di contratto che mi viene proposto, quindi difficilmente le decido io.
Quando invece sono l'editore, oltre che l'autore, adotto il copyleft. Come nell'esempio del sito di satira donzauker.it, che curo personalmente insieme ad Emiliano Pagani.
Sappiamo che la libertà di licenza (da MIT a CC) e' possibile e consente degli introiti nel mondo del software (GNU/Linux) ed in quello musicale (Jammendo). Credi sia possibile applicare lo stesso modello di licenza anche a fumetti o a sceneggiature?

Boh, in questo sono parecchio ignorante, e non ho elementi sufficienti per stabilirlo. Anzi, se ti va dammi un paio di consigli!

Tutta questa voglia di controllo sulla rete e'necessaria secondo te effettivamente per tutelare i diritti intellettuali rubati e la sensibilità dei fanciulli o nasconde (neanche troppo bene) l'ansia che un strumento cosi duttile come internet provoca nel bisogno di sicurezza e ordine che ormai stagna nelle vecchie menti di governanti e multinazionali?

Ah, che invito a nozze.
Internet è l'anarchia. E' ancora il Far West, è la tecnologia che non si può più arrestare e che si ritorce contro le istituzioni perché progredisce più velocemente di loro. Faranno di tutto per imbrigliarlo, senza capire che così potranno solo creare danni e disordini. Come in ogni epoca di grandi cambiamenti. Alla fine del '700 sulla ghigliottina cadde la testa di Maria Antonietta.
Un giorno magari toccherà alla Warner.

Nuove concezioni del diritto d'autore, banche che saltano come tappi di champagne, petrolio alle stelle ed in via di esurimento, nuove forme di famiglia e sessualita' atipiche, siamo finalmente all'apocalisse? Ci si levera' di 'ulo tutti, ce li leveremo di 'ulo noi, o saran loro a levarsi noi dal 'ulo?

La risposta più coerente è: SO UNA SEGA.
Però è divertente ed eccitante vivere un'era di passaggio, no?
Possiamo solo guardarci indietro (e non solo per proteggerci il culo) per cercare di non ripetere gli errori del passato. Lo faremo noi, lo faranno loro, lo faranno tutti. Basta oltrepassare uno scoglio per molti insormontabile: ricominciare a ragionare col proprio cervello.

10 commenti:

Manu ha detto...

dè...e quando voi ti sai spiegare bene sì!

emmeesse ha detto...

Ehm; scusa Daniele; ma "orrendamente mutilata" a me non pare.
Non mi hanno passato la tavola che tu hai concesso, e c'e' stata una piccola divergenza tra 'ulo e culo.
Ma la intervista e' stata integralmente punnlicata.
No, sai com'e'... visto che il nome e' il mio...
Io non le vedo ste mutilazioni. Il confronto e' on line. Fra parentesi, come ti avevo detto l'intervista e' anche pubblicata su il mensile del partito pirata.


Claudio Brovelli

Daniele Caluri ha detto...

O Claudio, non mi farai mica il permaloso?! Certo che il confronto è aperto: l'ho fatto proprio perché fosse alla portata di tutti. E perché tutti potessero verificare che quell'esagerato "orrendamente mutilata" si riferisce proprio a quel terrificante "...per proteggerci il 'ulo", che un livornese non direbbe mai nemmeno sotto tortura.
Se mi mandi l'indirizzo del partito pirata sarò ben felice di inserire il link nel post.

ABBASSO LE MUTILAZIONI!

emmeesse ha detto...

OK, capito tutto, ma sai com'e', noi a Genova siam tutti musoni (specialmente dopo la sentenza della Diaz)

I link sono

Link ufficiale del partito
http://www.partito-pirata.it

Link dove a breve verra' pubblicato il nuovo numero della rivista da scaricare
gratis (o meglio, open content, se qualcuno vuol darci due palanche mica ci offendiamo)
http://www.piratpartiet.it

link per l'accesso alla rete anonimizzata che abbiam messo su
http://www.anonet.it

Belin, Son zeneize riso raeo strenzo i denti e parlo ciaeo.

capisci che con un vernacolo come il nostro, la quistione 'ulo/culo non la notiamo :-)

Mastro Pagliaro ha detto...

quando si cresce con un autore, è inevitabile che qualcosa rimanga, di conseguenza non trovo strano che un prete rompipalle ti sia venuto simile al prete di torpedo che avevi avuto modo di apprezzare.
Ma anche se foste deliberatamente ispirati a quel prete, non credo che questo potrebbe mettere in dubbio la vostra creatività.
Ispirarsi ad un autore è cosa buona e giusta,perché segna un percorso, un cammino che sta alla base del sapere di un artista, ovviamente il tutto va contaminato con la propria personalità, altrimenti si parlerebbe di plagio, e non è sicuramente questo il caso.
Mi sembra veramente riduttivo comunque soffermarsi su questa cosa, la grandezza del vostro personaggio è tale che sarebbe molto più interessante capire i meccanismi che lo hanno generato.
in teoria io dovrei essere morto, ma l'argomento era troppo interessante.
torno a marcire.
ciao

Francesco ha detto...

PER LA NERCHIA DI DESCARTES!(vedi episodio 30 di Luana). Quale miglior modo di scremare una fiumana di commenti(31 nell'ultimo post) se non quello di parlare di cose che noi comuni mortali non ostenteremmo a dire, passami il termine da te usato:"SO UNA SEGA!".
Era più umile da parte tua dire:"Ragazzi, ma 'un c'avete un ca... da fà, che mandare commenti a me. Se scrivo a voi 'un ce la fò a finì il Gigante di Martin Mystere".
Comunque vedendo il numero dei commenti di quest'ultimo post puoi senz'altro dire:"Missione compiuta".
Ora voglio vedè cosa inventi la prossima volta.
Ciao Daniele
Francesco

PLUC [Fabrizio Di Nicola] ha detto...

ciao daniele, sono il ragazzo di pescara che si è fatto dedicazzare nedo a lucca. volevo dirti che secondo me è semplicemente geniale!!!
per non parlare dei sacrilegi finali :)
purtroppo a lucca viste le scarse finanze non sono riuscito a prendere don zauker....spero di beccarlo al più presto in qualche fumetteria!!
grande daniele!

Daniele Caluri ha detto...

@ Mastro Paglia: Grazie, pallacce.

@ Francesco: ho capito: il prossimo post sull'argomento "ma il culo, è la topa del III millennio?"

@ PLUC: ah, che bello! Son contento che piaccia anche questa mia altra produzioncina, grazie davvero. Purtroppo il DinZa a Pescara non ci arriva, ma tieni d'occhio le fiere, ci sta che tu lo riesca a beccare in una delle prossime, da qualche parte.

intelligence ha detto...

happy58
sleep466
core25978
bur4783
meal548

Blogger ha detto...

New Diet Taps into Pioneering Plan to Help Dieters LOSE 15 Pounds in Only 21 Days!